Come aprire un business center

Al giorno d’oggi, numerosi impresari e professionisti decidono di sfruttare i business center, vale a dire delle strutture temporanee interamente arredate ed equipaggiate, dove svolgere abitualmente il proprio lavoro o dove farlo durante situazioni particolari per la propria attività, come un evento naturale o una fase dai ritmi incalzanti e per cui si ha la necessità di avere un altro luogo dove poter occuparsi degli affari.

La richiesta, quindi di spazi di lavoro attrezzati, aumenta sempre di più e questo fa sì che sempre più società o imprenditori si buttino alla scoperta di questo mondo, partecipando attivamente e aprendo nuovi business center che rispondano alle necessità delle richieste. Nell’ultimo anno ad esempio hanno avviato l’attività nuovi centri uffici a Reggio Emilia, Siracusa, Brindisi, Bari ed è lievitata l’offerta a Roma e Milano.

Aprire un Business Center

Nuovo Business Center inaugurato a Siracusa

 

Ma da dove si può iniziare? Cosa si deve fare, innanzitutto, per riuscire ad aprire questi uffici che siano funzionali ai clienti che decidono di affittarli o più correttamente noleggiarli?

Bene, questo primo articolo vi aiuterà a tracciare una linea guida da poter seguire, se anche voi avete la curiosità e la voglia di aprire un vostro business center.

Piccoli e semplice passi, per una massima resa

Allora, come in tutti i progetti, anche quello del business center ha dei passi che, se fatti step-by-step, possono aiutarvi e rendere l’investimento proficuo ed utile in un breve periodo di tempo.
Anzitutto, è fondamentale essere curiosi, visitare altri business center, visitare spazi di coworking e anche hub o incubatori. Farlo nella propria città, ma anche in città diverse dalla propria. Raccogliere informazioni, noleggiare spazi di lavoro e testare in prima persona i servizi e la qualità degli stessi.

Il business center può essere avviato in un immobile di proprietà come in un immobile in affitto. Fondamentale è analizzare la tipologia degli spazi e gli spazi che si hanno a disposizione. I metri quadrati, gli ambienti che potranno essere uffici e quelli che potranno essere sale riunioni o sale corsi o spazi open.

Al di sotto di una certa dimensione, idealmente 450/500 metri quadrati un business center deve essere ottimizzato sotto vari aspetti per essere proficuo economicamente.

Esistono business center realizzati su 14.000 metri quadrati come su 500 metri quadrati. Dimensioni inferiori spesso costringono a rinunciare all’erogazione di certi servizi che richiedono investimenti importanti e non recuperabili. Spazi puù piccoli possono comunque essere organizzati sotto la veste di spazi coworking o ambiente condivisi.

Come, infatti, in tutti i progetti, prima di investire nei lavori e quant’altro è importante analizzare con precisione se può valerne oppure no la pena, a seconda della quantità di lavoro da fare per la ristrutturazione, l’arredamento, la tecnologia ed il personale.

Una volta dopo aver valutato tutti gli spazi a vostra disposizione, dovete creare un piano d’azione. Esatto, è importante creare quello che viene definito un “business plan”. Se si decide, infatti, di aprire un business center, è importante sapere quale tipologia di caratteristiche avrà il vostro progetto. Il business plan deve mostrare, nero su bianco, le idee che avete, come ve lo siete immaginato nella vostra mente e se sia davvero fattibile sia sotto l’aspetto della spesa economica, sia rispetto al potenziale guadagno.

Qui, devono essere riportati gli obiettivi del vostro investimento, gli step che dovrete seguire per far sì che il risultato sia come voi ve lo immaginate, la soluzione che offrite a tutti i vostri potenziali clienti, analizzare il mercato su cui vi proponete così da non essere il “tassello fuori posto” e, non meno importante, anzi forse la parte fondamentale, come comunicare la vostra presenza sul mercato, punto fondamentale per farvi conoscere.

Come abbiamo detto, la verifica dei costi è essenziale quando si decide di investire per la concretizzazione di un progetto, perché più si riesce ad effettuare i lavori, trovando le soluzioni più vantaggiose, più si avrà denaro da poter investire in arredamento o servizi da offrire ai propri clienti.
I business center si differenziano, inoltre, per avere uno stile ricercato e pulito, in modo da dare un aspetto competente, elegante e allo stesso tempo funzionale agli imprenditori o alle imprese che decideranno di svolgere i propri affari nei vostri uffici temporanei. Per cui, una volta risistemata la struttura, l’arredamento deve essere un altro importante tassello nel vostro progetto, rimanendo allo stesso tempo dentro il proprio budget di spesa, senza strafare e rispondendo come prima cosa all’efficienza per chiunque debba poi lavorare al suo interno.

Le opzioni tecnologiche oggi a disposizioni sono poi illimitate, centralini in voip, domotica, badge o impronte digitali per gli accessi, rete internet a larga banda, attrezzature in rete facilmente accessibili, scrivanie regolabili in altezza, schermi a led, lavagne interattive. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Come aprire un business center

Nuovo Business Center inaugurato a Brescia

Focus sui servizi offerti

Gli elementi che interessano agli imprenditori o ai lavoratori autonomi che sfruttano i business center sono i servizi che voi offrite ai vostri clienti. Quindi, è importante pensare a quali sarebbero i più utili, come quello di segretariato magari multilingue, la rete internet che deve essere di facile accesso e al contempo ad alte prestazioni. Definire il prezzo da chiedere, poi, alla vostra clientela. Ovviamente, dovrete anche monitorare l’uso dei servizi da parte degli imprenditori che sfruttano la vostra struttura e quindi scegliere un buon software con il quale poter tenere sotto controllo il loro utilizzo e pianificare la procedura in cui questi vostri servizi verranno erogati e fatturati.

I business center vengono definiti come la soluzione ideale, il luogo dove poter occuparsi degli affari perché offre tantissimi servizi tra cui quello di segretaria fornito di uno staff preparato. Per cui, che ne pensate di disporre nel vostro business center anche di questo servizio? Il personale a disposizione dovrà essere preparato e dovrete fornire la preparazione di cui avrà bisogno, anche tramite esperienze dirette in altri centri uffici.

Creare un ufficio ideale, fornito di tutto ciò di cui i vostri clienti potrebbero avere bisogno, comprende anche tutta la strumentazione, ma non finisce qui. I business center non offrono solo l’affitto di questi luoghi completamente attrezzati, ma danno anche qualcosa in più. Dispongono di personale che accolga i visitatori, che rispondano telefonicamente in maniera personalizzata alle chiamate al posto degli imprenditori, cosicché possano pensare solo ai loro affari e fornire loro un servizio di ricezione e gestione della corrispondenza postale.

A questo punto una prima parte del lavoro l’avrete fatta e i primi tasselli sono al loro posto.

In un prossimo articolo ci focalizzeremo sulla divisione degli spazi e come comunicare la vostra presenza agli altri per fare in modo che piano, piano i clienti vi conosceranno e a mano a mano la richiesta tenderà ad aumentare.
Insomma, aprire un business center non è un lavoro da poco.

Per aiutarvi, però, a capire ancora meglio in cosa consiste aprire ed avviare un business center e darvi una mano, la nostra rete di Ufficiarredati.it, non a caso, offre a tutti coloro che vorrebbero cimentarsi in questo mondo, una consulenza attraverso la quale potervi aiutare e seguirvi passo passo nell’impresa. Inoltre, avrete anche la possibilità di partecipare alle riunioni e agli incontri di network che vengono svolti periodicamente.

Il modo in cui si lavora sta cambiando ogni giorno di più ed è bene essere pronti a questa nuova rivoluzione. E tu, hai mai pensato di avviare un business center?

Speak Your Mind

*